Vacanze a Kos 2016: cosa fare in 7 giorni

Ecco alcune idee su cosa fare e vedere durante le vostre vacanze a Kos 2016 per un soggiorno di una settimana. Informazioni e spunti per godervi al meglio l’isola!

1° giorno: Kos città

Kos-città-porto

Pescherecci al porto di Kos

Soprattutto se è la prima volta che venite sull’isola, vi consigliamo di iniziare da un bel giro di Kos città. Potete cominciare con la visita alle rovine della Fortezza dei Cavalieri di San Giovanni, proprio sul porto, e all’antica Agorà. Dopo un tappa presso il Platano di Ippocrate, potete concedervi una pausa in uno dei caffè di Piazza Eleftheria, nel cuore della città, fra le tracce della dominazione ottomana e italiana. Segue una passeggiata fra i vicoli della città vecchia, in fondo alla quale, seguendo le indicazioni, potete raggiungere altre aree archeologiche (come ad esempio la Casa Romana) che testimoniano dell’antica grandezza dell’isola di Kos. Per rilassarvi, alla fine del giro, potete tornare sul porto e godervi il tramonto con una passeggiata sul lungo mare oppure in una delle tante spiagge di Kos città.

2° giorno: in spiaggia a Tigaki, Marmari e Mastichari

L’ideale è alternare giornate più “faticose” ad altre decisamente più rilassanti. Dopo la visita di Kos città, allora, potete puntare sulle spiagge a nord dell’isola, e approfittare per vedere anche le località turistiche di Tigaki, Marmari e Mastichari. Un’unica, lunga distesa di spiaggia per lo più attrezzata, intervallata da spazi anche ampi di spiaggia libera. Bar, taverne in cui pranzare, possibilità di sport acquatici e abbondanza di servizi rendono queste spiagge adatte a tutti, anche a chi ha con sé bimbi piccoli e ragazzi. Da Mastichari potrete godere uno dei tramonti più belli dell’isola, perciò il consiglio è di terminare lì la vostra giornata di mare.

3° giorno: tour dell’isola

Kos-escursioni-tour-dell'-isola-Antimacheia

Casa tradizionale, Antimacheia

È arrivato il momento di scoprire a fondo l’isola di Kos! Potete partecipare all’escursione con guida professionale oppure muovervi con mezzo privato. Per chi sceglie di creare in libertà il suo itinerario, le tappe immancabili sono: l’antico Asklepieion, su una collinetta panoramica poco fuori dalla città; i villaggi tradizionali nell’entroterra montagnoso di Kos, come la panoramicissima Zia, Pyli e Paleo Pyli (con la sua fortezza bizantina), Antimacheia, con le rovine del Castello dei Cavalieri e la “casa tradizionale” aperta ai turisti, e Kefalos, arroccata sulla costa occidentale dell’isola. Una tappa per aperitivo o serata potrebbe essere Kardamena, la seconda località più turistica dopo Kos città, piena di locali e di negozi e con una bella passeggiata vicino al porticciolo.

4° giorno: mini-crociera alle tre isole/visita dell’isola di Nisyros

Ancora una giornata di escursione: per chi vuole privilegiare mare e bagni, l’ideale è il cosidetto Blue Day, la crociera di un giorno alle isole di Pserimos, Kalymnos e Plati, con bagni in acque cristalline e visita a un laboratorio di spugne. Si può scegliere fra l’escursione in caicco, più tranquilla, e quella su motonave con musica a bordo, particolarmente amata dai giovani. Se invece volete privilegiare l’aspetto culturale e provare l’ebbrezza di camminare in un vulcano, potete partecipare all’escursione per l’affascinante isola di Nisyros, di cui abbiamo parlato qui.

5° giorno: spiaggia vicino a Kos e serata greca

kos-serata-greca-zia-escursione

Serata greca, Zia

Giornata di relax sulle spiagge vicino a Kos città: potete scegliere fra l’ampia striscia di sabbia dal porto di Kos fino a Lambi, con alcuni dei beach-bar più di grido dell’isola, e le belle spiagge pietrose di Psalidi e Agios Fokas, dove l’acqua è particolarmente limpida. Proseguendo fino a Therma, potete fare il bagno nelle acque calde termali dell’omonima spiaggia. Per finire la giornata in modo diverso, potete puntare sulla serata a Zia: vi godrete il tramonto dalla montagna e potrete partecipare a una cena greca con tanto di danze e musica tipica.

6° giorno: bodrum

Non perdete l’occasione di aggiungere una tappa anche sull’altra sponda dell’Egeo e di immergervi nei colori e nei profumi del bazar di Bodrum, l’antica Alicarnasso. Potete scegliere fra escursione guidata e in autonomia.

7° giorno: le splendide spiagge a sud di Kos

kos-kamari-kefalos

Il mare di Kamari, Kefalos

Per chiudere in relax, se non l’avete già fatto prima, vi consigliamo di godervi le splendide spiagge sulla costa meridionale di Kos. La più famosa è Paradise, ma sono altrettanto belle anche le spiagge prima e dopo Paradise (come la Sunny Beach, la Marcos, Kamel e Lagada) fino alla suggestiva Aghios Theologos, sull’estremità dell’isola, Cavo Paradiso e Limnionas, a nord di Kefalos. Distese di sabbia soffice, acqua limpidissima, calette e baie suggestive vi aspettano per una giornata senza orari! Ideale per pranzo o cena Kamari, proprio sotto Kefalos, dove potete gustare piatti tradizionali a prezzi particolarmente economici in una delle taverne sul lungomare, come Maria e Stop Inn.

Questi naturalmente sono soltanto degli esempi di quello che potreste fare sull’isola in una settimana, giusto degli spunti per chi sta valutando di trascorrere le sue vacanze 2016 a Kos.

Nessun Commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento